≡ Menu

Necrologio

Link to English version here  Nécrologie en français

Zoltan Dienes photoDIENES , dott. Zoltan Paul

All’età di 97 anni a Wolfville, Nuova Scozia, Canada, si è spento serenamente l’11 gennaio 2014 Zoltan Dienes, matematico ed educatore riconosciuto al livello internazionale, figura pubblica e padre di famiglia molto amato.

Zoltan era nato  sotto l’impero austro-ungarico nel 1916, figlio di Paul e Valeria Dienes. Trascorse i suoi primi anni in Ungheria, Austria, Italia e Francia.Avvertì da subito il fascino della matematica, al punto da nascondersi dietro  una tenda per ascoltare le lezioni di matematica del fratello maggiore, per le quali era ritenuto troppo piccolo!   A 15 anni il trasferimento in Inghilterra. Conseguì il  PhD  presso l’Università di Londra nel 1939. Zoltan comprendeva  arte ed estetica della matematica e la sua passione era quella di condividerla con insegnanti e bambini.Era attratto dalle difficoltà che tante persone avevano nell’apprendere la matematica e desiderava che gli altri ne vedessero la bellezza come accadeva a lui. Pertanto portò a termine un secondo corso di studi  in psicologia,  per comprendere meglio i processi del pensiero. Divenne famoso per il suo lavoro sulla psicologia dell’educazione Matematica, in base al quale creò il nuovo settore  della  psicomatematica. Definito come il  “matematico maverick”, Zoltan introdusse le idee rivoluzionarie dell’apprendimento dei concetti complessi della matematica attraverso il divertimento mediante giochi e danza, in modo che i bambini  erano spesso inconsapevoli del fatto che stavano apprendendo la matematica mentre  partecipavano ,con desiderio crescente,  ad esperienze creative, meravigliose ed avvincenti.  E’ stato inventore dei Blocchi Aritmetici Multibase Dienes e di molti altri giochi e materiali didattici che incorporavano (embodied) concetti matematici.

Secondo il  “Montana Mathematics Enthusiast Monographs, del 2007, “Il nome di  Zoltan P. Dienes si colloca tra quelli di Jean Piaget e di Jerome Bruner, figure leggendarie, le cui teorie dell’apprendimento hanno lasciato un’impronta indelebile  nel campo dell’educazione matematica. “…La nozione del Dienes della conoscenza incorporata costituì un presupposto che condusse altri scienziati cognitivisti a riconoscere  l’importanza della conoscenza incorporata e situata – in cui conoscenze e abilità sono organizzate in base all’esperienza tanto, quanto lo sono in base alle idee astratte.  Dienes è stato precoce  pioniere di ciò che successivamente sarebbe stato definito come prospettive  socio-culturali e democratizzazione dell’apprendimento.”

Zoltan ha dedicato la sua carriera al miglioramento dell’educazione matematica in tutto il mondo, in paesi come: Inghilterra, Australia, Nuova Guinea, Stati Uniti d’America, Canada, Germania, Italia, Cile, Argentina, Brasile, Francia, Spagna e Grecia.

Fondò l’International Study Group for Mathematics Learning, e  il “Journal of Structural Learning”. E’ stato Direttore del  Centro di Ricerche in Psicomatematica dell’Università di Sherbrooke   nel Quebec  (Centre de Recherches en Psychomathématiques) per oltre un decennio,  instaurando collaborazioni con ricercatori ed educatori di tutto il mondo. Ha messo a punto un programma di matematica per l’intero corso dell’istruzione scolastica obbligatoria per le scuole italiane, inglesi, francesi e tedesche . Oltre a lavorare per i sistemi scolastici maggioritari lo si è potuto trovare  accanto ai bambini delle comunità tribali  delle regioni montane della Nuova Guinea e nei barrios di  Rio de Janeiro , nelle  classi  delle  Prime Nazioni Métis  a Manitoba e nell’addestramento dei Corpi di Volontari per la Pace nelle Filippine. Dopo il pensionamento,  ha insegnato  a tempo parziale presso il Dipartimento per l’Educazione dell’Università dell’Acadia  e molti insegnanti di diversi livelli scolastici delle locali scuole  ricorderanno le sue visite  durante le ore di insegnamento. Ha pubblicato diffusamente , firmando numerosi articoli, materiali didattici e più di 30 volumi, tra cui la biografia  e una raccolta di poesie. Ha continuato a pubblicare  oltre l’età dei 90 anni, tra l’altro  completando  il lavoro  A Concrete Approach to the Architecture of Mathematics, edito a cura dell’ Università  delle  Auckland, Nuova Zelandia, nel  2009.

Zoltan è stato insignito di  lauree ad honorem  dalle Università di Caen,Francia; Siena, Italia; Pecs,Ungheria; Mount Allison University,Canada ed Exeter, Inghilterra. Nel 2003 è stato designato Membro Straordinario del  Canadian Mathematics Education Study Group, a titolo di riconoscimento per  il rilevante contributo dato all’educazione matematica.  Zoltan è stato un autentico ‘ uomo del rinascimento’ con un profondo amore per la  musica, l’arte, la natura. Aveva  conoscenza  corrente di  francese, italiano, ungherese tedesco e inglese e parlava  un certo numero di altre lingue. Gli piaceva cantare e, in famiglia, si cantava spesso, insieme, in ungherese, italiano o gaelico. Praticava  diverse attività  all’aria aperta, suoi  passatempi preferiti  erano: tracking, sci di fondo e nuoto.

Zoltan era profondamente spirituale ed ebbe per tutta la vita un intenso rapporto con Dio.  Divenne Quacchero nel 1952.  Praticava volontariato con il Friends Service Council ed era Membro  del  Ministero e Consiglio per i Quaccheri di Montreal .  A  Wolfville, era  membro  del  Quaker Meeting  della Annapolis Valley. Frequentava la Chiesa Battista di Wolfville  e a volte si recava in visita alla  Chiesa Battista  di Third Horton  (Third  Horton Baptist Church). Poeta prolifico scrisse poemi spesso di natura mistica, pervasi dalla ricerca del divino nell’umano. Con l’avanzare degli anni la sua percezione della figura del Cristo si era accentuata e lo indusse ad intraprendere la parafrasi poetica dei quattro Vangeli, del libro degli Atti degli Apostoli e di parte del Libro dei Romani in metrica classica.

Zoltan  aveva sposato, nel 1938, l’amica d’infanzia Tessa (Cooke)  ,con la quale ha trascorso 68 anni di vita matrimoniale fino alla morte di lei, avvenuta nel 2006. Hanno avuto cinque figli, quattordici nipoti e diciassette pronipoti. Sono morti prima di lui la moglie Tessa, il fratello Gedeone  (con Maya) , la figlia Jasmine Dienes-Stievens (con Robert  Stievens); il figlio Nigel (con Karin) e i nipoti Russell e Bruce. Gli sono sopravvissuti  e ne sentono profondamente la mancanza le figlie Jancis Nicola e Sarah; il figlio Bruce (con Gwenyth Dwyn); i nipoti Zoltan, Dan, Mandy, Jamie, Raj, Rilka, Ramana,Tom, Daniel, Rachelle, David e Melanie e  tutti i pronipoti.

Una pagina di Memorie è disponibile sul sito:  www.zoltandienes.com/posts/in-memoriam/

Donazioni alla memoria possono essere devolute alla Canadian Friends Service Committee oppure a  Compassion Canada.

Tradotto dall’inglese da Serena Veggetti